Ultima modifica: 27 aprile 2017
Istituto Comprensivo Completo "Aldo Moro" > News > News primaria Pascoli > Uno speciale ”Anniversario della liberazione” per i ragazzi delle Pascoli e delle Moro

Uno speciale ”Anniversario della liberazione” per i ragazzi delle Pascoli e delle Moro

Gli alunni delle classi quinte della Primaria Pascoli e delle classi prime e seconde delle Moro del nostro Istituto si sono recati a Borgosesia per incontrare la signora Wanda Canna protagonista della guerra di liberazione

Wanda Canna con i ragazziGli alunni delle classi quinte della Primaria Pascoli e delle classi prime e seconde delle Moro del nostro Istituto hanno partecipato alla celebrazione del 25 Aprile 2017 portando un contributo davvero speciale. Hanno infatti voluto condividere con tutta la cittadinanza solbiatese un’esperienza molto bella vissuta domenica  2 Aprile quando, accompagnati da genitori, alcune insegnanti e la dirigente, si sono recati a Borgosesia per incontrare la signora Wanda Canna protagonista della guerra di liberazione quale staffetta partigiana.

Un incontro interessante e commovente durante il quale Wanda ha raccontato con energia e passione la sua straordinaria esperienza. Una donna al servizio coraggioso degli ideali di libertà, una donna fiera di aver contribuito alla lotta partigiana che ha portato alla fine della dittatura del fascismo e dell’occupazione nazista.

I ragazzi hanno ascoltato le sue parole con attenzione vera, cogliendo il richiamo alla consapevolezza di quale grande dono sia una società libera e giusta e di come sia importante fare di tutto per difenderla, evitando egoismi e atteggiamenti di disinteresse verso le cose che non funzionano. 

Non potevano perciò non raccontare tutto e l’hanno fatto con una videopresentazione che alleghiamo a questo articolo [clicca qui per la presentazione] ed un filmato dell’incontro.

Grazie Wanda… il tuo coraggio, la tua intelligenza, la tua passione hanno contribuito a scrivere una importante pagina della nostra storia. A noi il compito di proseguirne il racconto con uguale generosità e senso civico.