Ultima modifica: 31 gennaio 2018
Istituto Comprensivo Completo "Aldo Moro" > News > News primaria De Amicis > Giornata della memoria: alle De Amicis due letture per ricordare

Giornata della memoria: alle De Amicis due letture per ricordare

Lunedì 29 gennaio gli alunni di classe quinta si sono resi protagonisti di letture di testi per l’infanzia dedicati alla Giornata della memoria.

Lunedì 29 gennaio gli alunni della Scuola Primaria De Amicis si sono ritrovati, insieme agli insegnanti, per ricordare la tragedia della Shoah.

Gli alunni di quinta si sono resi protagonisti di letture di testi per l’infanzia dedicati a quel tragico periodo della nostra storia ed hanno proposto la lettura di due testi che loro stessi avevano ascoltato in occasione di “Libriamoci”, le giornate di lettura nelle scuole dal 23 al 28 ottobre.

Hanno anche provato a ricostruire la stessa scenografia che era stata allora presentata introducendo l’evento con l’ingresso di un gruppo di alunni che hanno tolto giubbotti e scarpe ammucchiando il tutto davanti ai lettori a ricordo del fatto che all’ingresso ai campi di concentramento ognuno doveva lasciare tutto ciò che aveva, vestiti compresi.

I bambini, attraverso la lettura di alcuni passi tratti da “L’albero di Anna” e “La portinaia Apollonia” hanno trasmesso messaggi per non dimenticare, sottolineando che nella storia dell’umanità la speranza di un futuro migliore sopravvive alle tragedie e all’orrore.

Gli alunni di tutte le classi, riuniti appositamente per l’evento, hanno ascoltato con grande attenzione e fatto poi un minuto di silenzio prima di rientrare in classe.

Breve presentazione dei testi letti

 

In “L’albero di Anna” ascoltiamo la sua storia ancora una volta, ma a raccontarla sarà la voce di un testimone oculare solitamente silenzioso e inascoltato: un ippocastano, i cui bellissimi rami si slanciavano fino alla finestra della soffitta dove era nascosta Anna.

 

 

“La portinaia Apollonia” ci presenta Daniela, un bambino ebreo che vive in una città occupata dai soldati tedeschi. È l’arcigna portinaia Apollonia, di sicuro una strega, a spaventarlo più di ogni cosa, finché un giorno…, forse anche una strega può salvare un bambino?

 

 

Se vi abbiamo incuriositi, potete chiedere in biblioteca a Gorla Maggiore questi libri!

Si ringrazia Maria Grazia Omodei, la biblioteca, per il supporto prezioso dato in quest’occasione e nell’organizzazione di Libriamoci.

Anna Maria Marinoni